Charlotte Bronte 2.0 – “The Autobiography of Jane Eyre”

Il classico diventa vlog, e non è la prima volta che ritroviamo i più grandi personaggi della letteratura ottocentesca inglese sui canali youtube. Abbiamo già parlato di “Emma Approved” e vi rimando all’articolo che scrissi su Cipria e Merletti riguardo ad un altro adattamento, “The Lizzie Bennet Diaries” ispirato ad Orgoglio e Pregiudizio. LINK

jane-eyre

Questa volta cambiamo autrice, ci spostiamo su un’altra grande scrittrice britannica di inizio Ottocento che è diventata con un solo romanzo un gigante della letteratura: Charlotte Bronte. Esattamente come i personaggi di Jane Austen, anche quelli di Charlotte sono stati usati, rimaneggiati, sfruttati da chiunque ed in qualunque ambito: dai romanzi sequel ai fumetti, dal cinema alla televisione, dalla cancelleria alle bambole. In questo caso ci troviamo di fronte ad un adattamento moderno della trama del capolavoro “JANE EYRE“, riaggiustato in modo molto simile a ciò che è stato fatto per le altre due web series già citate. La struttura è sempre quella del vlogging su youtube, ovvero un blog costituito da video anziché post tenuto da parte della protagonista, Jane nella fattispecie. Gli elementi base della trama rimangono invariati e, nella maggior parte dei casi, anche la sequenza degli avvenimenti, ma l’adattamento in tempi moderni giustifica e necessita di aggiustamenti appunto, cambiamenti marginali, modifiche o sostituzioni dei personaggi secondari, dialoghi discrepanti dall’originale nel tono e nelle parole – anche se quelli fondamentali restano, nella sostanza, invariati.

764463_3b3281d2a8e1965e02d104e3b02a4623.png_srz_610_840_85_22_0.50_1.20_0“The Autobiography of Jane Eyre” si incentra sulle vicende raccontate alla propria telecamera da una giovane studentessa di ventun’anni, giovane e intelligente anche se non è mai stata considerata carina, che, diplomata educatrice, lascia l’angusta famiglia della zia Reed per trasferirsi a casa di Edward Rochester, trentenne proprietario della Alluminium Thornfield Company, per accudire la figlia Adele. Jane viene assunta dall’assistente di Rochester, Grace Pool. Per il momento siamo al 53° episodio sul canale youtube http://www.youtube.com/user/TheAOJaneEyre?feature=g-subs-u anche se altre parti della storia sono affidate ad altri social, Twitter in particolare ma anche Instagram e Tumblr. Potete trovare l’intera sequenza della storia fino a questo momento sul sito ufficiale della web series, a questo indirizzo: http://theautobiographyofja.wix.com/jane-eyre#!story/c240r

Con questo episodio siamo arrivati al punto in cui qualcuno entra in camera di Jane durante la notte e, chiedendo poi spiegazioni dell’accaduto, Jane riceve due diverse spiegazioni da Rochester e da Grace Pool.

autobiography of jane eyreI due attori protagonisti, Allyson Hall ed Adam J. Wright, sono entrambi molto bravi, nonostante non ancora famosi, e sono entrambi canadesi. La web series è ambientata a Vancouver ed infatti i dialoghi si seguono benissimo perché parlano un inglese pulito e comprensibile. Di tanto in tanto c’è qualche video in esterna, potremmo dire “on the road”, e si ha così l’occasione di viaggiare un po’ in Canada, un paese che credo davvero affascinante.

Vi ho detto che principalmente la storia viene mandata avanti con i video su youtube, ma come nelle altre due web series, anche in questa viene curato tutto un sottobosco di social e profili dei vari personaggi. Eccone alcuni:

https://twitter.com/eyrequotes

http://instagram.com/eyrequotes/

http://eyrequotes.tumblr.com/

https://twitter.com/AdeleCRochester

http://theautobiographyofja.wix.com/blanche-ingram

https://twitter.com/Pilotsthoughts

http://theautobiographyofja.wix.com/thornfield-exports

Con questo vi lascio, per il momento. Mi raccomando andate ad iscrivervi!

Irene

 

 

Annunci

2 pensieri su “Charlotte Bronte 2.0 – “The Autobiography of Jane Eyre”

  1. Confesso che dall’episodio 42 non mi entusiasma più come all’inzio. In vero, ho praticamente smesso di seguirlo. Probabilmente sarà il periodo… non so.

  2. Davvero carino questo progetto! “The Lizzie Bennet Diaries” mi è piaciuto molto e sono felice che stia ispirando altri ragazzi e altre idee. Ho già cominciato a vederlo, grazie per avermelo fatto scoprire :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...