Thomas Kinkade: il pittore dei paesaggi incantati

Ho deciso di iniziare il post con un suo dipinto perché credo che si capisca da esso molto di più di quanto si capirebbe dal mio solo tentativo di descrizione.
Thomas Kinkade (1958) è un pittore californiano che predilige paesaggi idilliaci, nei quali trasmette un senso di pace e tranquillità, di pacata gioia davvero contagiosa. Una delle sue caratteristiche principali, oltre ad avere uno stile molto personale, è quello di essere il pittore americano più collezionato . E’ spesso criticato per la larga commercializzazione che fa della sua arte, riproducendola in molte copie e vendendo ovunque ( su Internet, nei supermercati, tramite televendite). E’ stato anche definito come un pittore senza sostanza, che dipinge discretamente ma che in realtà non dice nulla. A me rilassa, e questo mi pare già abbastanza. Tuttavia lascio a voi il giudizio. 
Si dice che in una casa americana su venti sia presente almeno un’opera di Kinkade, e questo è davvero un fenomeno sociale e artistico rilevante. Certo, di arte popolare si tratta, ma non credo che Kinkade pretenda di più. 
Marito e padre devoto di quattro bimbe, è si un artista ma anche un uomo normale, legato alla sua famiglia. Nei suoi quadri spesso troviamo in qualche modo la lettera N, che sta per Nanette, il nome di sua moglie.
Lui stesso, nel suo sito ufficiale, dice: ” La mia missione come artista è (ri)creare scorci di un mondo tranquillo, pacifico e pieno della bellezza del creato Divino. E’ questo quello che intendo parlando di Diffondere la Luce” perché si definisce il “pittore della luce”. Paragonandosi modestamente a Turner mi chiedo io?? Non lo sapremo mai. Il simbolo di Kinkade è un lampione. Illuminante direi!
Per Natale è uscito in DVD un film (autoprodotto) sulla storia dell’Artista, dal titolo Thomas Kinkade’s Christmas Cottage, nel quale si svela la vicenda che lo ispirò nella realizzazione della sua opera più celebre, The Christmas Cottage: il pericolo, corso dalla madre, di perdere la casa familiare. Nel film, Kinkade è interpretato da Jared Padalecki; Marcia Gay Harden fa la parte della madre e Peter O’Toole è il mentore del giovane Kinkade, che – come una sorta di maestro jedi – così esorta il suo promettente allievo: Paint the light, Thomas! Paint the light!
Christmas Cottage
A me devo dirvi piace molto, e spesso ho l’immagine di un suo quadro come sfondo del mio pc. Ovviamente siete liberi di disprezzare la sua arte, ma mi faceva piacere condividere insieme a voi un po’ di questo artista che ho scoperto. Secondo me è anche importante perché è una realistica finestra sul pensiero di buona parte della popolazione americana, che sogna e desidera la pace e tranquillità che emerge da questi quadri. Sono scuarci di vita quotidiana, anche se un po’ idealizzata, che commuove e da speranza.

Questo quadro ritrae il tipico crepuscolo di qualche annetto fa, le macchine parcheggiate vicino al vialetto di casa, la mamma e la bimba a passeggio sotto l’ombrello e un intrepido signore con l’impermeabile che porta a spasso il suo bassotto sulla strada bagnata illuminata dalla luce calda delle finestre.
notare la bandiera americana su una tipica casa del quartiere borgese della città
Kinkade ha ritratto anche varie scene tratte da fiabe Disney
LONDRA SUNSET
Con affetto,
Irene
Annunci

10 pensieri riguardo “Thomas Kinkade: il pittore dei paesaggi incantati”

  1. Adoro Thomas Kinkade, lo scoprii per caso quasi una decina d'anni fa quando mio papà mi portò dall'America un suo calendario e me ne innamorai.
    Negli USA è molto famoso, con la mia amica di laggiù ne parliamo spesso specialmente sotto Natale, trasmette una tale magia e quiete nei suoi paesaggi…
    I cottage sono in assoluto i miei preferiti ♥_♥

  2. Hai un'amica in America? Oh…beata te Mauser!
    Anche io adoro particolarmente i cottage, e infatti se vedi bene quasi tutte le immagini che ho messo sono proprio cottage… :P
    Un abbraccio

  3. Purtroppo solo una in America, ma ho qualche amica di penna in giro per il mondo e una mia ex compagna di classe che ha deciso di fare l'avventuriera e, dopo 6 mesi in Nuova Zelanda, 8 a Londra, 3 in Spagna, 1 in Germania e qualche viaggetto ha deciso di partire per l'Erasmus alla volta della Svezia (10 mesi, credo) e accettare uno stage in Canada. Sono ben fornita di amici around-the-world, quest'ultim da sola val per 4 e grazie al cielo parliamo la stessa lingua ^_^

  4. @Sissi_in_love ne sono davvero felice! Certo non è Manet, Renoir, Picasso o Constable…ma è rilassante e nostalgico come dice giustamente Siria…! Mi piace davvero tanto…

  5. Degas…meraviglioso! Quello si che è un Pittore! Ho avuto l'opportunità di andare a vedere le sue famose ballerine durante il mio viaggio a Parigi, l'estate scorsa, e devo dire che dal vero sono ancora più belle. Ci sei mai stata? Ah…Siria…tu non hai un blog vero? O è il mio blogger che è impazzito e non mi fa vedere nulla??

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...