Lo "Scriblerus Club" e la satira inglese

Mio zio mi ha regalato un interessante libro: “1001 Libri da leggere prima di morire, una rassegna completa dei capolavori della narrativa mondiale” diviso in periodi: prima del Settecento, l’Ottocento, il Novecento e il Duemila.
Proprio sfogliando questo libro davvero utile, mi sono imbattuta nell’opera: “Le memorie di Martino Scriblero”. Il titolo non mi diceva niente, ma guardando nella riga degli autori vi ho letto vari nomi; al che mi sono incuriosita.
Leggendo la breve paginetta esplicativa che riguardava questo libro, ho scoperto l’esistenza di uno “Scriblerus Club”. Sono andata a fare una ricerca su Internet ed ecco cosa ho trovato.
Questo club venne fondato nel 1712 da un gruppo di letterati/scrittori inglesi, irlandesi e scozzesi (già un miracolo dal momento che da sempre le tre regioni non sono proprio in rapporti di intensa amicizia). Potremmo paragonarlo alla Lunar Society nata a Birmingham poco dopo, nella seconda metà del XVIII secolo (sulla quale potete trovare delle informazioni QUI).
I membri dello Scriblerus Club infatti erano amici e compagni di cultura, come li chiamo io, che durante i loro incontri informali e amichevoli si dedicavano alla satira, prendendo particolarmente di mira gli eccessi e i comportamenti venali del loro tempo in contrapposizione con la dignitosa grandezza e il buonsenso degli antichi. Nei loro scritti, che influenzeranno poi le opere personali dei singoli membri, criticheranno la vanità,la falsità e la corruzione che soprattutto i nobili tentavano ipocritamente di mascherare proprio nel Settecento. “Le memorie di Martino Scriblero” è proprio una raccolta dei vari scritti che nacquero dagli incontri del gruppo. Il club poté riunirsi fisicamente per pochissimo tempo, e precisamente fino alla morte della Regina Anna nel 1714, a seguito della quale il paese fu assoggettato all’amministrazione di alcuni nemici dello Scriblerus Club, che cessò di ritrovarsi ma non si sciolse mantenendo i contatti per posta.
Jonathan Swift
MEMBRI
Jonathan Swift: scrittore irlandese considerato tra i maestri della satira inglese. Le sue opere più famose sono ” I viaggi di Gulliver” che tutti conosciamo e che è evidentemente simbolico e satirico, e il paphlet “Una modesta proposta”, il cui titolo completo è tutto un programma: ” Una modesta proposta per impedire ai bambini dei poveri di essere un peso per i genitori e per il paese e far sì che siano utili all’interesse pubblico”. Questo lavoro, scritto quando l’autore avrà lasciato materialmente il club, pur mantenendo i contatti via lettera, e sarà tornato nella nativa Dublino, esprime chiaramente il disprezzo per l’atteggiamento superiore dell’Inghilterra nei confronti dell’Irlanda proponendo che i bambini irlandesi dei poveri fossero usati come cibo per i ricchi inglesi, così da essere utili alla società, con tanto di ricette per cucinarli! Insieme a Robert Harley pubblicò la rivista “The Examiner” alla quale poi contribuirono altri membri del club.
Alexander Pope
Alexander Pope: uno dei maggiori poeti inglesi del XVIII secolo, conosciuto per la sua vena satirica e per le sue traduzioni delle opere di Omero, oltre che per le sue poesie. Nel 1711 pubblicò l’allora famoso “Saggio sulla Critica” nel quale giudicava la poesia in quanto genere letterario e i classici antichi sebbene con poca chiarezza, e nel quale creo il genere di poesia detto “Distico eroico”.
John Arbuthnot
John Arbuthnot: medico e scrittore scozzese, molto amico dei primi due, e attivo sostenitore del partito dei Tories. Nella sua attività di scrittore satirico si dedicò principalmente alla satira politica e scientifica, sulla quale era l’unico del gruppo ad avere conoscenze. Era in casa sua che si svolsero buona parte degli incontri dello Scriblerus Club. Pare fosse una persona davvero divertente e intelligente, nonché modesta dal momento che fu alla base di molte delle più famose satire della sua epoca e che fu la fonte e il tramite di molti dei più brillanti scritti di un mezzo secolo di letteratura, ma fece di tutto per non ricevere il dovuto merito ( non si attribuì esplicitamente nessun’opera).
John Gay
John Gay: poeta e drammaturgo inglese, amico di lunga data di Swift e socio fondatore del club. Una delle sue opere più importanti è “L’opera del mendicante”, un melodramma satirico nella quale prende di mira personaggi di spicco della società come Robert Walpole, politico inglese nominato Molto Onorabile Primo Conte di Orford, nonché primo Primo Ministro del Regno Unito.
Basta che vi citi l’epitaffio che riporta il suo monumento sepolcrale, scritto proprio da Gay:

Life is a jest, and all things show it,

I thought so once, and now I know it.

Cioè
La vita è uno scherzo, e tutto lo mostra
l’ho pensato una volta, e ora lo so.

Geniale!
Con affetto,
Irene
Annunci

2 pensieri su “Lo "Scriblerus Club" e la satira inglese

  1. Mi devo segnare questo libro…. specialmente visto che c'è il mio beniamino, J. Swift!
    Sai forse qualche dettaglio su questo libro…?
    Dove e come trovarlo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...