"Le due città" – Parigi e Londra viste da Charles Dickens


Ebbene sì, sono tornata dalle ferie e ho di nuovo un accesso ad internet … perchè dove vivo ora siamo senza internet, senza TV, non prendono i cellulari e fa poco anche la radio! a momenti mi sento un’eremita!
A parte questo, ho avuto l’occasione di dedicarmi al mio passatempo preferito: leggere. Ho così dato fondo a uno dei romanzi che avevo in casa, sempre rubat… preso in prestito da mia mamma: Le due città di Charles Dickens. (titolo originale, che suona molto meglio della traduzione: A Tale of Two Cities). Il romanzo uscì in 31 puntare settimanali tra l’aprile e il novembre del 1850. Per me questo è un elemento fondamentale nella lettura di un romanzo: cerco di ricreare l’atmosfera originaria del lettore, leggendo un capitolo a volta … anche se non riuscirei mai ad aspettare una settimana per leggere il successivo, impazzirei! Di solito il tempo che trascorre tra un capitolo e l’altro è di pochi minuti!!
Questo romanzo esce un po’ dal genere tipico di Dickens, in quanto si tratta di un romanzo storico, ambientato negli anni che precedono e seguono la Rivoluzione Francese. La trama si svolge infatti tra le città di Parigi e Londra (le due città! :-) ).
Devo dire che la storia di per sè non è poi questa grande eccezionalità, ma è veramente fantastico come Dickens riesca a dipingere il quadro storico e culturale di quegli anni, la foga della folla, la ristrettezza delle prigioni, l’orrore della violenza.
Per quanto riguarda i personaggi, l’unici due che riescono a essermi veramente simpatici sono il dottor Manette e Mr Lorry. Non sopporto invece il personaggio di Lucie Manette: donna senza alcun spessore, angelo del focolare, figlia pietosa, moglie ideale, soltanto negli ultimi capitoli prende un carattere meno perfetto (secondo i canoni dell’epoca) e più realistico. Giudizio neutro per gli altri due personaggi principali: Charles Darnay e Sydney Carton.
In complesso il romanzo mi è piaciuto … quindi VOTO: 7 e 1/2
Con affetto,
Alessia
Annunci

1 commento su “"Le due città" – Parigi e Londra viste da Charles Dickens”

  1. Interessante post, giacché esce fuori una tua/vostra particolare visione del buon Dickens, un punto di vista che devo dire, essere piacevole.
    Complimenti per il blog, continuate, non vi fermate…
    Buon pomeriggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...